Leone e Martello

La grande guerra tra le due divinità Heironeous ed Hextor va avanti da millenni,ha mietuto molte vittime tra le fila dei suoi fedeli. Molti gli innocenti che vi si sono trovati in mezzo,molte le vittime indirette.
Tra queste anche i genitori di due ragazzi,troppo piccoli al tempo per capire cosa fosse successo alle loro famiglie,ignari di quello che un giorno essi sarebbero diventati.

Torwald e William crebbero così nell'orfanatrofio della Santa Catena Ferrea,sorretti dalla fede del potente e benevolo Heironeous.
Qui ricevettero i sacramenti e furono sottoposti ad un duro addestramento al fine di diventare fedeli discepoli del culto in grado di contarstare Hextor e i suoi servi del male.

TORWALD CHRISTENSEN abbracciò la fede ancor più a fondo diventando un chierico,il suo soprannome era IL MARTELLO. Medio alto,robusto,capelli corti e scuri,un viso coperto da una folta barba.
A 14 anni prese i voti,a 26 entrò a far parte di un corpo d' elite: l'Ordine del Calice.
Amava affrontare le sue battaglie con raziocinio e fredda logica,grazie a suoi incantesimi clericali poteva supportare e curare efficacemente la sua squadra. Inoltre non disdegnava affatto spaccare crani col suo potente martello,da qui il suo soprannome...
A lui generalmente spettava il gravoso compito di riportare a più miti consigli il suo fraterno amico William,laddove ce ne fosse stato il bisogno.

WILLIAM GODFREY il LEONE,chiamato così per la sua folta capigliatura rossa ,più simile ad una criniera.
Al contrario di Torwald egli non aveva mai fatto pace col suo passato,non aveva accettato la morte dei suoi. La notte gli tornavano spesso alla mente le terrbili immagini vissute da fanciullo,il suo rancore superava la sua stessa ossessione.
Il suo odio per Hextor gli diede la forza,la spinta per diventare un formidabile guerriero specializzato nell'uso della spada a due mani.
La forza dei suoi colpi era tale da scuotere gli animi dei suoi avversari.
Tornato vittorioso dalla sua prima crociata entrò di merito nell'Ordine del Caliceritrovando di fatto il suo grande amico Padre Martello.

Insieme formarono un formidabile duo,destinato a scrivere per molti anni a venire la storia di Candlekeep.


Candlekeep è la roccaforte dell'ordine,situata sulla costa della spada,è il quartier generale dei servi di Heironeous.
Al duo poi si unirà un giovane di belle speranze,Saul figlioccio di uno dei giudici più influenti di Candlekeep,l'incontro cambierà per sempre le vite dei due.
Insieme affronteranno moltissime prove:
faranno luce sul terribile mistero del rifugio di Lyran,sconfiggeranno gli Spietati,fronteggiaranno Balagos la fiamma volante...un terribile drago rosso,si recheranno alla torre di Gulthias il vampiro e lo metteranno in fuga,saranno più volte sconfitti e più volte si rialzeranno,perderanno livelli,anni e infine la vita, ma nulla di tutto questo riuscirà mai a fermarli.
Accanto a loro il giovane Saul crescerà e con lui la sua forza,il duo ben presto si renderà conto di avere al proprio fianco non soltanto un uomo,non soltanto un incredibile guerriero,bensì l'incarnazione stessa di Heironeuos,il suo avatar terreno.

Molte le vittorie che conseguiranno insieme,stringeranno grandi amicizie,sconfiggeranno innumerevoli nemici e il loro nome diverrà leggenda.
Ma stavolta non c'è un lieto fine,il loro continuo osare li spingerà ben oltre le loro concrete possibilità e in una di queste terribili situazioni per salvare i due Saul finirà per sacrificare se stesso in una lotta impari contro un drago nero.


Testimoni raccontano di aver visto quella stessa sera un grande drago sollevarsi dalla foresta dei dragoni,giurano di aver visto inoltre un guerriero aggrappato ad una spada conficcata nel collo della bestia.
Di fatto,da quel giorno nessuno seppe più nulla di Saul. Per molti mesi fu cercato e mai trovato,infine dato per morto saranno celebrati i funerali a Candlekeep.

Quel giorno qualcosa si spense anche nei cuori di Torwald e William,sapevano che niente sarebbe stato più lo stesso,ma poco importava perchè la guerra contro Hextor doveva comunque proseguire.