Non siamo più pienamente vivi,
più completamente noi stessi,
e più profondamente assorti in qualcosa,
che quando giochiamo.

(Charles E. Schaefer)